Antipasti Piatti unici

L’impepata di cozze di Alessandro Borghese, “il mio segreto è nel frullare questi ingredienti”

impepata di cozze di Alessandro Borghese

L’impepata di cozze di Alessandro Borghese, un piatto semplicissimo, che ha poco da aggiungere per essere aggiustato di sapore e di odori. La cozza è così, senza mezzi termini, un frutto del mare che non ha bisogno di molte presentazioni. La ricetta che vi presentiamo è quella del noto chef Alessandro Borghese.

Ingredienti della impepata di cozze di Alessandro Borghese

  • 1 kg di cozze
  • 2 spicchi di aglio
  • 3 rametti di prezzemolo
  • 2 cucchiai di pepe nero
  • mezzo bicchiere di vino bianco
  • Olio Evo

Procedimento

La prima cosa da fare, dopo aver pulito accuratamente le cozze sarà quello di prendere una bella padella o pentola, se siete in tanti, è aggiungere dell’olio, una ricca manciata.

Fate soffriggere due spicchi di aglio e poi calate le cozze. Copritele con un coperchio e lasciate che si aprano bene aggiungendo il pepe. Devono aprirsi tutte, se qualcuna resta chiusa, allora non forzate e scartatela.

Il fondo

A questo punto, usando un minipimer o un frullatore, inserite i rametti di prezzemolo, l’olio e frullate il tutto usando un po’ di acqua delle cozze.

Impiattate

Una volta fatto questo, mettete sul fondo del piatto la vostra crema di prezzemolo. Sgusciati le cozze e adagiatele su e buon appetito.

Segreti

Il modo per pulire meglio è quello di staccare la parte “pelosa” che esce dalla cozze verso l’alto per lasciare integro il frutto all’interno.

Le cozze

È un mollusco lamellibranco, dotato cioè di branchie a lamelle che assorbono l’ossigeno per la respirazione e che trattengono contemporaneamente il cibo per l’alimentazione, costituita soprattutto da plancton e particellato organico in sospensione. La valva, composta principalmente da carbonato di calcio, si presenta esternamente di colore nero o nero-viola, con sottili cerchi d’accrescimento radiali e concentrici verso la parte appuntita; internamente si presenta invece di colore madreperla, ma con una superficie liscia. Le due valve sono tenute insieme da una cerniera con tre o quattro dentelli.

La forma è grossolanamente a goccia, con il margine valvare arrotondato da un lato e appuntito e leggermente incurvato dall’altro. Una volta aperto, il mollusco mostra il mantello che contiene tutti gli organi interni, tra cui quelli riproduttivi. La distinzione tra i due sessi è possibile grazie all’osservazione del colore del mantello stesso, il quale, una volta raggiunta la piena maturità sessuale, si presenta di colore giallo crema nei maschi e di colore rosso arancio nelle femmine. L’animale si lega al supporto attraverso fibre composte da L-3,4-diidrossifenilalanina (DOPA), sostanza studiata per la sua straordinaria resistenza alla trazione

Continua a leggere Piuricette.it e iscriviti al gruppo Facebook Masterchef ricette e trucchi degli chef e mettete un like alla pagina Facebook    di PiuRicette.it