Primi

Insalata di riso, I trucchi di Locatelli per renderla perfetta. Seguite sempre la regola del tre e non sbaglierete mai

insalata di riso locatelli

Indiscussa regina delle tavole estive, l’insalata di riso può trasformarsi in un raffinato piatto gourmet con pochi accorgimenti. L’insalata di riso è una soluzione fresca, facile da preparare e perfetta da conservare in frigorifero per qualche giorno. Tuttavia, può risultare pesante se non si scelgono gli ingredienti giusti e se non si seguono alcuni semplici trucchi. Se desiderate rivoluzionare la vostra idea di insalata di riso, ecco cinque consigli per renderla davvero indimenticabile. La scelta del riso è fondamentale per una perfetta insalata di riso. Optate per varietà che tengono bene la cottura, come il Carnaroli o l’Arborio.

Se cercate un’alternativa interessante, il riso Venere, con la sua forma allungata e sottile, può essere una scelta eccellente. Per insalate con frutti di mare, provate il Basmati, il cui aroma unico può aggiungere un tocco esotico al piatto. Assicuratevi che il riso scelto mantenga una consistenza ferma e non diventi colloso. Una delle problematiche più comuni con l’insalata di riso è la consistenza collosa dei chicchi. Per evitarlo, seguite attentamente i tempi di cottura indicati sulla confezione e non superate i 15 minuti. Non sciacquate il riso sotto acqua fredda poiché eliminerebbe l’amido, ma stendete i chicchi su un vassoio e sgranateli con una forchetta.

Per raffreddarli velocemente, potete posizionare il vassoio in un lavandino riempito con acqua fredda, simile a una cottura a bagnomaria al contrario. Per evitare di sovraccaricare l’insalata di riso, applicate la regola del tre: utilizzate al massimo tre ingredienti oltre al riso. Questo eviterà che il piatto diventi troppo ricco e pesante. Potete scegliere combinazioni come verdure fresche, olive e cubetti di formaggio, oppure tonno, pomodorini e cipolla di Tropea.

Se volete un condimento già pronto, considerate opzioni che includano ortaggi genuini, tonno in tranci e una salsa saporita a base di pomodoro e aromi. L’uso della maionese nell’insalata di riso è oggetto di dibattito. Se decidete di aggiungerla, fatelo uno o due giorni dopo la preparazione e solo se siete sicuri che l’insalata sarà consumata rapidamente. La maionese può alterare i sapori e la consistenza del piatto se conservata troppo a lungo.

Pertanto, evitate di aggiungerla all’insalata appena preparata se prevedete di conservarla per diversi giorni. L’insalata di riso dovrebbe essere consumata a temperatura ambiente, non appena tolta dal frigorifero. Lasciate raffreddare naturalmente il riso prima di condirlo e, una volta condito, conservatelo in frigorifero per non più di tre giorni. Prima di servirlo, toglietelo dal frigorifero almeno mezz’ora prima, per permettere ai sapori di svilupparsi al meglio. Ora siete pronti a preparare un’insalata di riso perfetta.

Leggi anche: Insalata fredda di Farro, i consigli di Benedetta per abbinare tutti gli ingredienti

insalata di riso locatelli
navigate_before
navigate_next